Città in movimento, città smart

Nel pomeriggio del 22 ottobre, alla Triennale di Milano, insieme a un gruppo piuttosto interessante di conversatori, cercherò di raccontare in cosa consiste la città intelligente, a partire dalle esperienze progettuali che ne fa da oltre 20 anni Starching, della cui sostenibilità mi occupo con frequenza. In questa occasione presenteremo anche un bel libro, che abbiamo dedicato proprio alla Smart City.

Zainocrazia infrastrutturale

Milano Serravalle Engineering ha organizzato un convegno molto denso, alle Stelline di Milano, l’8 ottobre.

Mi sono stati offerti in quella occasione diversi privilegi:

  1. ottenere l’attenzione dei numerosi partecipanti, mentre argomentavo sull’Impact-driven design;
  2. dialogare brevemente con due decisori di rilievo, in merito al ruolo che la politica gioca nel progetto del futuro collettivo;
  3. chiudere la mattinata con qualche considerazione finale e qualche personale valutazione.

Ecco la restituzione video di ciascuno di questi tre momenti – a rafforzare l’ipotesi che al movimento, possibilmente bene infrastrutturato, si debba tutti la nostra quasi intera attenzione.

1. Impact-driven design

2. Dialogo con Attilio Fontana e Giovanni Toti

3. Conclusioni

Bisociare per innovare

In Zainocrazia si argomenta che i processi creativi sono guidati dalla bisociazione. Qualche mese fa, gli amici di Avanzi e di OpenAgri mi hanno chiesto di raccontare brevemente cosa significa bisociare: ecco il video del mio intervento del 20 giugno al Palazzo dei Giureconsulti di Milano.

getfvid_10000000_634537893707586_5360448581412462210_n-1

Potere dello zaino

Breve intervista comparsa qualche giorno fa su Sette – Corriere della Sera, dentro un articolo dedicato alla zainocrazia crescente.

Milano sottosopra

Il 21 giugno, a Palazzo dei Giureconsulti, dentro OpenAgri, cercherò di raccontare che la bisociazione potrebbe aiutarci a rendere più fertili i rapporti tra città e campagna (la bisociazione è quella cosa in cui Arthur Koestler riconosce la base di ogni processo creativo e che, più modestamente, Zainocrazia pone in cima ai diritti di ogni umano).